Si può mangiare calamari quando sei incinta?

Calamari, italiano per “calamari”, è sicuro da mangiare quando sei incinta. Come altri pesci e molluschi, il calamari è ricco di proteine, acidi grassi omega-3 e di altre sostanze nutritive essenziali, mentre basso contenuto di grassi e sodio saturi. L’Agenzia per la protezione dell’ambiente e la Food and Drug Administration chiedono alle donne in gravidanza di evitare di mangiare pesce o molluschi con elevato contenuto di mercurio. I molluschi, tra cui calamari, vongole, ostriche e capesante, sono bassi nel mercurio.

Secondo l’EPA, il mercurio è un elemento naturale che viene prodotto dall’inquinamento industriale. Cade dall’aria nei corpi d’acqua e viene poi assorbito dai pesci. Alti livelli di mercurio possono danneggiare il cervello, il cuore, i reni, i polmoni e il sistema immunitario. È particolarmente importante evitare l’eccesso di mercurio durante la gravidanza, in quanto i livelli elevati nel flusso sanguigno di un neonato nascono un impatto sullo sviluppo del sistema nervoso, causando difetti di nascita.

Tutti i pesci contengono quantità di mercurio. I livelli dipendono da ciò che i pesci mangiano, per quanto tempo vivono, quanto sono grandi e quanto sono alti nella catena alimentare. I pesci più grandi che hanno vissuto più a lungo tendono ad avere livelli più alti di mercurio. Non mangiare squalo, pesce spada, sgombro e tilefish se siete in gravidanza, sulla base di raccomandazioni EPA e FDA.

È sicuro per le madri incinte e infermiere di mangiare fino a 12 once a settimana di pesci e molluschi che sono bassi di mercurio, secondo l’EPA e la FDA. Pesce che sono basse nel mercurio includono gamberi, tonno leggero in scatola, salmone, pollock e pesce gatto. Calamari è anche nell’elenco esteso di pesci di mercurio basso. Il tonno di Albacore ha più mercurio di tonno leggero in scatola, pertanto limita l’assunzione di 6 oz. settimanalmente. Se sei incinta e non sei sicuro del contenuto di mercurio dei pesci locali, mangia fino a 6 once, ma non mangi un altro pesce durante quella settimana.

A 3 once. La porzione di calamari contiene 78 calorie. Fornisce 13 g di proteine, dando 18 per cento della dose giornaliera consigliata per le donne in gravidanza. La proteina è essenziale per la costruzione e la riparazione di tessuti e aiuti nella funzione immunitaria. Un serving contiene solo 1 g di grassi totali ma fornisce il 30% di RDA per gli acidi grassi omega-3. Calamari è alto nel colesterolo, contenente 198 mg.

Calamari è una ricca fonte di minerali rame, 161% RDA, selenio, 63% RDA, fosforo, 27% RDA e zinco, 12% RDA. Il rame contribuisce a formare l’emoglobina e mantenere sane le ossa, i vasi sanguigni ei nervi. Il selenio protegge contro lo stress ossidativo e regola l’azione dell’ormone tiroideo. Il fosforo aiuta a costruire forti ossa e denti, libera l’energia durante il metabolismo e forma materiale genetico, membrane cellulari e enzimi. Lo zinco è un componente di molti enzimi e, aiutando a costruire proteine, assiste nella guarigione delle ferite, nella formazione del sangue, nella crescita e nella manutenzione di tutti i tessuti. Calamari fornisce anche l’8% di RDA per il magnesio.

Diverse vitamine del complesso B sono fornite da calamari, tra cui B-12, il 42% di RDA, la riboflavina, il 25% di RDA, la colina, il 12% di RDA e la niacina, il 10% di RDA. La vitamina B-12 aiuta a formare globuli rossi e materiale genetico, la funzione del sistema nervoso e il metabolismo delle proteine ​​e del grasso. Riboflavina aiuta nel metabolismo energetico. Il ruolo di colina in gravidanza ha ricevuto un’attenzione maggiore, grazie alla sua importanza nel prevenire i difetti della nascita e nel promuovere lo sviluppo del cervello e della memoria nei neonati.

Mercurio Rischi

Mercurio nel pesce

Pesce sicuro da mangiare quando è incinta

Nutrienti in Calamari

Minerali a Calamari

Vitamine in Calamari