Jiu jitsu brasiliano contro la boxe

I combattenti jiu jitsu brasiliani hanno sfidato e combattuto pugili in molte occasioni, iniziando con la sconfitta di Antonio Portugal nel 1932 di Helio Gracie. Molte di queste sfide sono state semplicemente rifiutate o ignorate dai pugili professionisti, ma il dibattito continua. Gli eventi misti di arti marziali sono una delle sole sedi in cui è possibile confrontare direttamente questi stili di combattimento molto diversi.

Helio Gracie e Boxe

Il jiu jitsu brasiliano ha stabilito la sua formidabile reputazione attraverso partite di sfida in Brasile, molte delle quali erano “vale tudo”, una frase portoghese che significa “tutto va”. Considerando che la pugilazione è interamente basata su scioperi mentre il jiu jitsu brasiliano è prevalentemente a terra, un match di vale tudo sembra essere l’unico modo per confrontare le arti. Un combattente jiu jitsu brasiliano non avrebbe potuto usare la maggior parte delle sue tecniche in una partita pura di boxe e viceversa. In una partita in cui tutto va, entrambi i combattenti sarebbero in grado di applicare le loro tecniche. In una lotta di vale tudo tra l’istruttore Gracie jiu jitsu e il pugile Portogallo nel 1932, Gracie ha dominato in soli 30 secondi. Ha continuato a sfidare famosi pugili come Primo Carnera e Joe Louis, ma non erano disposti a combatterlo.

Il numero della gamma

Le partite di inscatolamento si verificano principalmente nel campo di colpo, ei pugili non sono ammessi a gettarsi l’un l’altro. A causa di questa restrizione, i pugili non solitamente si allenano contro i ritardi e non hanno bisogno di preoccuparsi di impedire ad un avversario di avvicinarsi o di sfuggire a un tentativo di presentazione a terra. Tutti questi fattori sono svantaggiati in una lotta con un esperto jiu jitsu brasiliano, perché la sua strategia sarà quella di chiudere, prendere il pugile e applicare una presa di presentazione. Il pugile tipico non avrebbe alcuna esperienza o formazione per impedire questo. L’unica opportunità per il pugile di vincere sarà con un forte colpo di knockout.

Nessun combattimento di livello superiore

Nonostante la vittoria di Gracie contro il Portogallo e molte vittorie simili per il jiu jitsu brasiliano, i tifosi di boxe possono ancora sottolineare il fatto che nessun pugile di prima classe ha mai partecipato a queste partite. Gracie era uno dei migliori combattenti jiu jitsu nel mondo nel 1932, ma il Portogallo non era uno dei migliori pugili del mondo. La questione di chi avrebbe vinto in una lotta tra Gracie e il campione dei pesi massimi mondiali è ancora aperta, perché Louis ha rifiutato la lotta. A un campione che combatte per vivere, c’è poco incentivo a partecipare a una semplice sfida di sfida per ciò che potrebbe consistere nei diritti di vantarsi o, al massimo, in una somma di denaro notevolmente ridotta.

Boxing vs. MMA

Il dibattito sui meriti relativi della boxe e il jiu jitsu brasiliano si è spostato in gran parte a uno sui meriti di boxe e arti marziali miste. I combattenti MMA in genere allenano sia in pugilato sia in jiu jitsu brasiliano, così come kickboxing muay thai. Ciò significa che un combattente MMA avrà solitamente abilità nel campo di calci, nella gamma di attacchi e nella gamma di contatti, ma non avrebbe la stessa esperienza in nessuna di quelle gamme di specialisti. La questione è se un pugile di classe mondiale potrebbe utilizzare la sua esperienza nella gamma di colpi per sconfiggere un combattente MMA con meno impatto, ma più calci e abilità d’attacco. A meno che i pugili di campionato non cominciano a competere regolarmente negli eventi MMA, la questione rimarrà.