Benefici di miele di trifoglio

La tonalità dorata del miele e il sapore mite lo rendono molto attraente e utile come dolcificante per tutto, dal caffè al mattino a una frullata di frutta e verdura. Il miele è stato da tempo celebrato per i suoi effetti medicinali, comprese le sue proprietà antibatteriche e antimicrobiche. Il miele può anche essere una fonte più sicura di fruttosio rispetto ad altri carboidrati raffinati. Tuttavia, il miele è ancora lo zucchero e non è buono per la tua salute quando consumato in eccesso.

I fondamenti del miele di trifoglio

Il tipo più comune di miele prodotto negli Stati Uniti, miele di trifoglio è prodotto da api che si nutrono principalmente sul nettare della pianta di trifoglio. Per cucchiaio, il miele fornisce circa 64 calorie, la maggior parte dei quali provengono da zuccheri. Il miele contiene una piccola quantità di proteine ​​e di altre sostanze nutritive tra cui ferro, potassio e alcune vitamine B. Inoltre contiene diversi livelli di antiossidanti, composti vegetali con proprietà di combattimento delle malattie. Il profilo del nutrimento del miele di Clover è molto variabile, tuttavia, a seconda che le api alimentate su altri tipi di piante, sia che il miele sia stato elaborato e quanto tempo sia stato conservato. Secondo uno studio pubblicato nel febbraio 2004 in “Journal of Food Science”, il miele di clover di riscaldamento durante la lavorazione non ha influenzato in modo significativo il suo contenuto di antiossidanti, ma sei mesi di stoccaggio ha ridotto la capacità antiossidante del 30%.

Effetti antibatterici del miele

Molti studi scientifici sostengono l’efficacia del miele nel combattere i batteri, simili agli antibiotici, secondo un articolo di ricerca pubblicato nel 2011 in “Biotechnology Research International”. In un altro studio pubblicato in “Asian Pacific Journal of Biomedicina tropicale” nell’aprile 2011, il miele del trifoglio è stato dimostrato efficace contro diversi agenti patogeni da pazienti con ferite a durezza a diluizioni fino a 3,6 a 0,7 per cento. Secondo gli autori del 2011 “Biotechnology Research International”, sia i mieli grezzi che quelli lavorati hanno effetti inibitori contro gli agenti patogeni.

Uno zuccherino sicuro?

Studi sugli animali hanno dimostrato che una dieta ad alto contenuto di fruttosio ha un effetto tossico nei ratti. Il miele è costituito da fruttosio e glucosio, con leggermente più fruttosio rispetto al glucosio. In uno studio pubblicato in “The Journal of Nutrition” nel 2002, i ricercatori hanno alimentato i ratti una dieta ad alto fruttosio di miele o fruttosio raffinato. Dopo due settimane, i ricercatori hanno scoperto che la dieta raffinata raffinata aumenta sia i trigliceridi che i marcatori dell’infiammazione più che la dieta miele. La dieta raffinata di fruttosio riduce anche i livelli ematici di vitamina E, un importante antiossidante, ma la dieta del miele non lo ha fatto.

Quanto è abbastanza?

Anche se il miele potrebbe fornire vantaggi, come per gli altri zuccheri, troppo di essa nella vostra dieta può portare all’obesità, al diabete e alle malattie cardiache. Un po ‘di miele di trifoglio usato per addolcire gli alimenti è OK, ma seguite le raccomandazioni dell’American Heart Association, che consigliano alle donne di limitare la loro assunzione di zuccheri aggiunti, compreso il miele, a non più di 100 calorie al giorno, mentre gli uomini non dovrebbero avere Più di 150 calorie da zuccheri aggiunti. Quella è circa 1 1/2 e 2 2/3 cucchiai di miele, rispettivamente, al giorno.