Avvertimenti black cohosh e dosaggi suggeriti

Il cohosh nero, che ha il nome scientifico Actaea racemosa o Cimicufuga racemosa, è una pianta perenne di origine naturale in alcune parti dell’America del Nord ed è legata alla burro. È classificato come integratore alimentare dalla FDA degli Stati Uniti. I suoi nomi comuni includono il serpente nero, la radice di serpente a radice e la radice squaw, gli insetti evitano questa pianta, quindi i suoi altri nomi di black bugbane e bugwort. Il cohosh nero è spesso usato per trattare i sintomi della menopausa, irregolarità mestruali e dolori articolari. Consultare il proprio medico prima di prendere il cohosh nero.

Le radici del cohosh nero sono gnarled e nere, quindi il suo nome. Il cohosh nero non deve essere confuso con il cohosh blu – la loro unica somiglianza è che sono entrambi radici a base di erbe. È una pianta di bosco che può crescere fino a nove piedi. In estate produce fiori bianchi che emettono un odore spiacevole. Il tè nero cohosh è stato usato dai nativi americani come un rimedio per morsi di serpente, artrite, malaria e mal di gola. Negli anni 1800, alcuni medici lo prescrivevano per le malattie “isteriche” delle donne, compresi i problemi con l’allattamento, le irregolarità mestruali e l’insonnia.

Le radici sotterranee ei rizomi del cohosh nero sono le parti utilizzate per scopi medicinali. Sono usati freschi o essiccati per fare un tè, estratto, capsule e compresse. I composti attivi sono i glicosidi, gli acidi isoferulici ei fitoestrogeni. L’Università di Maryland Medical Center raccomanda agli adulti di prendere compresse o capsule standardizzate da 40 a 80 mg ogni giorno o da 2 a 4 ml di liquido in un tè o in acqua tre volte al giorno. Il cohosh nero non deve essere dato ai bambini.

Attualmente, il cohosh nero è un’alternativa popolare ai medicinali ormonali utilizzati per ridurre i sintomi della menopausa, compresi vampate di calore, alterazioni dell’umore, sudorazioni notturne, palpitazioni cardiache e secchezza vaginale. Viene utilizzato anche per le emicranie e per i disturbi del sonno, soprattutto quando si tratta di menopausa. Il cohosh nero contiene sostanze antiinfiammatorie ed è utilizzato anche per i sintomi dell’artrite.

Il cohosh nero è considerato sicuro quando assunto nelle dosi raccomandate per un periodo di sei mesi. Se sei allergico alle piante della famiglia del burro, potrebbe non essere in grado di prendere questo. Gli salicilati trovati nel cohosh nero sono simili a quelli che si trovano nell’aspirina, quindi non prendete questa erba se sei allergico all’aspirina. Prendendo alte dosi di cohosh nero può causare mal di testa, eccessiva sudore, vertigini e problemi visivi. Danno al fegato e insufficienza epatica sono stati associati al suo utilizzo e non dovrebbero essere usati se si ha malattie epatiche. Sono necessari ulteriori studi, ma il cohosh nero non può essere sicuro se si ha il cancro al seno sensibile all’ormone ormonale, il cancro dell’ovaio, il cancro dell’utero, i fibromi o l’endometriosi, in quanto può funzionare allo stesso modo dell’estrogeno. Non prendete il cohosh nero se sei incinta; sono stati incidenti di lavoro prematuro, aborto spontaneo e sanguinamento vaginale associati al suo utilizzo. Consultare il proprio medico prima di prendere il cohosh nero per discutere di tutti gli altri farmaci e integratori da prendere per evitare interazioni.

Storia e Aspetto

Dosaggio

usi

Precauzioni